Magazine

Vacanza nel Salento a settembre? Sì, e per tre buoni motivi

Che sia per necessità o per scelta poco importa, una cosa è certa: non sono pochi coloro che decidono di prenotare le loro vacanze nel mese di settembre e il Salento è una delle mete predilette anche sul finire della bella stagione.

Quello stesso Salento che viene letteralmente preso d’assalto dai vacanzieri nel pieno dell’estate ma che non si “consuma” e continua a regalare spettacoli naturali e momenti di assoluto relax a chi decide di fargli visita sul finire della stagione.

Sì, perché il Salento è bellissimo anche a settembre. Soprattutto a settembre.

Le spiagge si svuotano e il sole continua a tramontare sulle acque cristalline, le temperature iniziano a dare tregua per concedere qualche passeggiata alla scoperta dell’entroterra e cenare in un ristorante non diventa una missione impossibile.

Una vacanza a settembre nel Salento vi permette di immergervi completamente nella bellezza di questa terra meravigliosa assecondando i suoi ritmi naturali. Perché? Ve lo sveliamo subito.

Settembre nel Salento: il mare, le spiagge, il relax

Chiudete gli occhi e provate a proiettarvi su una spiaggia, a riva, con la vostra sdraio e il vostro ombrellone. Non sentite nulla se non il rumore dell’acqua che arriva e si ritrae dal bagnasciuga. Leggete un libro, fate le vostre parole crociate, ascoltate la vostra playlist, tutto nella tranquillità più assoluta.

Diciamolo, dopo mesi di frenetico lavoro non è questo quello che vorreste? Insieme alla possibilità di spostarsi da un lido all’altro, godendosi l’intero litorale ionico e adriatico senza perdersi nel traffico di agosto.

Consiglio: non innamoratevi di una sola spiaggia. Settembre ha i tempi e gli spazi giusti per permettervi di ritagliarvi un momento di relax in tutte quelle che volete. Pescoluse, Torre Pali, Lido Marini, Torre Mozza – solo per citarne alcune – ma anche spettacoli naturali come il Ciolo, la Piscina Naturale di Marina Serra, Cala dell’Acquaviva e tutte le altre perle incastonate lungo i due versanti.

Settembre nel Salento: i centri storici dell’entroterra

Una vacanza a settembre nel Salento può essere l’occasione giusta per perdersi nella bellezza dei borghi. Ce ne sono tre tra i più belli d’Italia – Specchia, Presicce Acquarica e Otranto – ma non c’è centro storico nel Salento che non abbia una storia da raccontare, un’esperienza da regalarvi e da portare a casa.

Da Lecce a Santa Maria di Leuca le tappe che potreste toccare sono davvero tantissime. Scegliete “a sentimento”, seguendo i consigli della gente del posto o puntando con la matita a caso sulla cartina: in ogni caso non rimarrete delusi!

Settembre nel Salento: un’esperienza enogastronomica totale

Ecco, questo punto potrebbe risultare scontato o addirittura di poco peso per qualcuno ma per gli amanti del food e beverage è un aspetto importantissimo.

Masserie, trattorie tradizionali, ristoranti sul mare… a settembre troverete posto ovunque, senza rincorrere l’ultimo tavolo disponibile. Settembre è il periodo ideale per assaporare le specialità più rinomate della cucina salentina, ma anche i piatti della tradizione contadina meno conosciuti. Ve ne suggeriamo due in particolare che non tutti conoscono e per le quali dovreste trovare una brava massaia: la cunserva mara e la fica cu le mennule.

Il primo è un cremoso quanto piccante incontro tra il peperoncino e i pomodorini locali che si sposa benissimo con le prime bruschette di fine estate; il secondo (fichi secchi e mandorle) è un dolce tradizionale pugliese, semplice ma buonissimo, che le nostre nonne usavo preparare con pazienza e amore sotto il sole cocente di agosto per poterlo gustare d’inverno.

Basta non vogliamo svelare altro. È pur sempre vero che la bellezza di un viaggio è tutto nella scoperta.

13 Settembre 2021